Il nuovo sito dell'Unità di Ricerca

La gestazione è stata piuttosto lunga, ma ce l'abbiamo fatta. Il nuovo sito dell'Unità di Ricerca di Paleoradiologia e Scienze Affini è online, anche se, per ora, è piuttosto spoglio ed alcune cose devono essere messe perfettamente a punto. Ma il grosso è fatto.
La filosofia del sito è quella di creare una struttura dinamica e facilmente aggiornabile dove al contempo mostrare i nostri progetti, commentare lo stato dell'arte della disciplina e poter offrire, nel tempo, applicativi server-side finalizzati alla paleoradiologia. Di questi ultimi il progetto sicuramente più ambizioso (e in programmazione effettiva da almeno un anno dopo una "gestazione" teorica piuttosto lunga), è quella del PaleoPACS, che vorrebbe essere un sistema non solo di distribuzione e archiviazione delle immagini, ma soprattuto uno strumento piuttosto potente di distribuzione della conoscenza. Come si sa, l'ambizione si paga. Per cui la scelta di creare un sito programmandolo da capo attraverso una piattaforma Django/Python su un server nostro e non scegliere uno dei tanti sistemi pret-a-porter si è rivelato faticosissimo e pieno di insidie. Ma d'altronde siamo una grande Azienda Sanitaria di una grande e bella città, e qui si fanno cose serie. 

pagina del nuovo sito

 L'Unità di Ricerca è una piccola struttura a budget straordinariamente limitato ma che nasce dall'idea di come si possano utilizzare i mezzi ormai potentissimi della radiologia e di altre discipline (attraverso strategie che non tolgano un secondo di disponibilità delle attrezzature alla normale attività clinico - diagnostica) per contribuire alla conoscenza storico-scientifica valutando al contempo la potenziale ricaduta di questi studi sulla medicina stessa, o sulla sicurezza (come nel caso dell'attività forense). Siamo in un momento storico interessante dove alcuni problemi possono essere visti attraverso la lente della storia, della casistica del passato anche dal punto di vista della salute. Un esempio attualissimo sono le attuali migrazioni di popoli, già avvenute più e più volte nel passato e di cui possiamo avere notizie a noi utili dai resti delle popolazioni antiche. Specialmente in questa macroregione che è sempre stata un melting-pot di popoli. Capire il passato, anche biologicamente per migliorare gli strumenti di comprensione e di soluzione dei problemi del presente. Naturalmente i nostri sono piccoli contributi. Utili? Noi crediamo francamente di si.

Fabio Cavalli

07 Giu 2016

Argomenti